Utenti registrati: 2099

Ci sono 6 utenti registrati e 47 ospiti attivi sul sito.

Many / spawn150 / AlexKawa / cmarchioro77 / willisbass

Ultimo commento

the62punisher su All American Comics II # 1

Login




Recupera password




[torna indietro]
ATTENZIONE:Per registrarsi su Comicsbox collegati da un computer desktop o tablet

Non sei registrato? Iscriviti subito!


Vai alla pagina Facebook
Vai alla pagina Twitter
ComicsBox
Cover by Greg Horn

She-Hulk vol 2 # 13

December 2006 Marvel Comics
She-Hulk
Mind Field (Campo mentale)
Dan Slott (script) / Rick Burchett (art) / Cliff Rathburn (inks)

Titano, luna di Saturno. Durante il processo a Starfox, Thanos, chiamato a testimoniare attraverso un processo mentale che assicura che non venga dichiarato il falso, ha rivelato che è stato suo fratello a istillargli la sua torbida passione per la Morte facendolo diventare la minaccia cosmica che tutti conosciamo. She-Hulk, intuendo una macchinazione di Thanos ai danni di Eros di Titano, penetra nella mente del criminale cosmico e, dopo aver ripercorso i ricordi delle sue gloriose vittorie e dei suoi disastrosi fallimenti, scopre che il titano prevedendo l'eventualità di un processo al suo "amato" fratello aveva pensato di sfruttare la situazione per far cadere su di lui la colpa di tutte le proprie malefatte. Oltre alla verità sulle colpe di Thanos (rivelatosi essere solo una copia del malvagio adoratore della Morte), She-Hulk ottiene da Eros la conferma che il seduttore cosmico non ha abusato del suo potere per indurla in passato ad andare a letto con lui. Nonostante questa rassicurazione, rimangono i problemi che Starfox ha involontariamente causato alla nostra verde eroina, spingendola a una passione sconsiderata che gli ha fatto sposare un pò troppo frettolosamente John Jameson/l'Uomo Lupo ora diventato lo Stargod.

22 pagine

protagonisti: She-Hulk, Starfox, Mentor (A'Lars), Moondragon, Phyla-Vell, Stargod, RT-Z9, Thanos
apparizioni: Mallory Book, Augustus 'Pug' Pugliese

pubblicazione italiana: Fantastici Quattro (II) # 279