Utenti registrati: 1981

Ci sono 0 utenti registrati e 10 ospiti attivi sul sito.

Ultimo commento

majinberto su Marvel Masterworks # 75

Login




Recupera password




[torna indietro]
ATTENZIONE:Per registrarsi su Comicsbox collegati da un computer desktop o tablet

Non sei registrato? Iscriviti subito!


Vai alla pagina Facebook
Vai alla pagina Twitter
ComicsBox

Grandi Opere DC # 95 | BATMAN R.I.P.

Rw Lion Marzo 2017
Batman
Mezzanotte nella casa del dolore
Grant Morrison (script) / Tony Daniel (art) / Sandu Florea (inks)
Batman incontra il Joker ad Arkham. Il cavaliere oscuro vuole informazioni sul Guanto Nero, l'uomo o l'organizzazione che lo sta perseguitando, ma il Joker si limita a giocare a carte facendo una mano con il morto.
Sei mesi prima. Il gobbo Le Bossu si unisce al Dottor Hurt e la sua Danse Macabre, un gruppo di criminali composto da El Sombrero, Charlie Caligula, King Kraken, Pierrot Lunaire, Scorpiana e Swagman.
Oggi. Il tasso di criminalità di Gotham si è notevolmente abbassato e Batman ne approfitta per testare la sua nuova Batmobile catturando insieme a Robin un criminale da strapazzo. Tornato a villa Wayne, Bruce, parzialmente vestito con il costume di Batman, raggiunge la sua stanza per abbracciarsi con Jezebel Jet, la donna che da poco ha scoperto la sua identità segreta. Mentre Robin discute con Alfred sulla paternità di Daniel, Bruce conduce Jezebel dinanzi alla tomba dove riposano i suoi genitori. Tornando a casa la donna gli rivela che sono stati invitati a partecipare a un festino stravagante organizzato da un gruppo elitario di persone. Bruce ha un sussulto quando scopre che l'invito proviene da il Guanto Nero.

24 pagine

protagonisti: Batman, Robin, Alfred Pennyworth, Jezebel Jet, Joker, Le Bossu (1 apparizione), El Sombrero (1 apparizione), Charlie Caligula (1 apparizione), King Kraken (1 apparizione), Pierrot Lunaire (1 apparizione), Scorpiana (1 apparizione), Swagman (1 apparizione), Simon Hurt

da Batman vol 1 # 676 (June 2008)

Batman
Batman agli inferi
Grant Morrison (script) / Tony Daniel (art) / Sandu Florea (inks)
Batman inizia a essere ossessionato dal Guanto Nero convinto che dietro ogni criminale mascherato di Gotham City ci sia una misteriosa mente a tirare le fila. Nonostante cerchi informazioni utili sul suo nemico, l'unico indizio che riesce a trovare sul Guanto Nero è un vecchio film dallo stesso titolo. Batman fa notare ad Alfred la mancanza di uno degli Schedari Neri, quaderni di annotazioni in cui negli anni il nostro protagonista documentava tutti i casi senza spiegazioni. Alfred gli risponde che recentemente ha trascritto gran parte dei suoi appunti sul computer e forse qualche originale è rimasto sulla sua scrivania. Concesso una serata libera ad Alfred, in serata Batman mostra a Jezebel la batcaverna. I due discutono riguardo l'invito ricevuto ben sapendo che molto probabilmente si tratta da una trappola. Bruce chiede a Jezebel di stargli lontano perché non vuole coinvolgerla. Nel frattempo, James Gordon viene convocato dal sindaco il quale gli fa leggere un documento, che il Gotham Gazette si appresta a pubblicare, secondo il quale Bruce Wayne potrebbe essere il figlio di una relazione tra Alfred e Martha Wayne. Nel documento ci sarebbero le prove che Thomas Wayne abbia fatto uccidere sua moglie e inscenato la sua morte. Intanto alla batcaverna, Jezebel impressionata da quello che descrive come un gigantesco museo sotterraneo di morte e tecnologia, dice a Bruce di amarlo chiedendogli però di porre fine alla sua solitaria crociata contro il male e di usare la sua ricchezza in altri modi. La donna lascia intendere di avere dei dubbi sulla sua stabilità mentale e che forse il Guanto Nero sia solo un frutto della sua fantasia. Improvvisamente sul monitor appaiono delle immagini di graffiti, Bruce dice di vedere solo rumore statico e chiede a Jezebel di dirgli cosa c'è scritto. Quando la donna legge ad alta voce la parola "Zur-En-Arrh" qualcosa scatta in Bruce che crolla sul pavimento venendo subito dopo circondato da alcuni uomini nascosti nell'ombra. Qualche ora più tardi, Alfred, al suo rientro, dopo aver trovato la batcaverna incendiata viene pestato a sangue da un gruppo di uomini mascherati.

22 pagine

protagonisti: Batman, Alfred Pennyworth, James Gordon, Jezebel Jet, Simon Hurt
apparizioni: Le Bossu, Charlie Caligula, El Sombrero, King Kraken, Pierrot Lunaire, Scorpiana, Swagman

da Batman vol 1 # 677 (July 2008)

Batman
Zur er arrh
Grant Morrison (script) / Tony Daniel (art) / Sandu Florea (inks)
Il misterioso Dottor Simon Hurt alla guida del Guanto Nero, tramite un condizionamento mentale attivato dalla frase ipnotica "Zur-en-arrh", ha messo in atto un piano per distruggere Batman e tutto ciò che egli rappresenta. Imbottito di droghe, Bruce Wayne si risveglia in un vicolo in stato confusionale. Ha perso la memoria e ora ignora quale sia la sua identità. Dinanzi a lui compare un senzatetto chiamato Honor Jackson che lo aiuta ad alzarsi. Nel frattempo, Tim Drake, mentre si trova all'interno di una baracca a leggere un quaderno scritto da Batman in cui descrive alcune bizzarre avventure del suo passato, subisce l'attacco di alcuni membri legati al Guanto Nero. Sfuggito all'agguato, Robin cerca di avvertire Nightwing ma il suo compagno viene preso alle spalle da Scorpiana, un altro membro del Guanto Nero, finendo in una cella dell'Arkam imbottito di tranquillanti. Intanto Bruce accompagna il senzatetto per le strade di Gotham chiedendo l'elemosina insieme a lui. In serata i due si siedono a osservare lo skyline della città. Honor gli dice di essere felice di averlo salvato ma quando Bruce si volta per ringraziarlo il senzatetto è scomparso. Venuto a sapere da uno spacciatore che Honor è morto ieri per una overdose, Bruce, sempre più in difficoltà a mantenere la sua presa sulla realtà, tira fuori un prezioso oggetto che il senzatetto gli aveva consegnato (il Bat-radia) e con degli stracci di fortuna si cuce un costume dichiarando di essere il Batman di Zur-en-arrh.¹

(¹) Il Batman di Zur-En-Arrh compare per la prima volta in Batman # 113 del 1958.
In questa storia, Batman viene proiettato sul pianeta Zur-en-arrh, dove ha dei superpoteri simili a quelli di Superman e sconfigge alcuni invasori alieni dopo che Tlano, il Batman di Zur-en-arrh, gli aveva chiesto aiuto. Tornando sulla Terra, Batman, convinto di aver avuto un sogno, si ritrova il Bat-radia, un dispositivo usato per combattere gli invasori.

22 pagine

protagonisti: Batman, Robin, Nightwing, Bat-Mite, Le Bossu, Charlie Caligula, El Sombrero, King Kraken, Pierrot Lunaire, Swagman, Simon Hurt, Scorpiana

da Batman vol 1 # 678 (August 2008)

Batman
Miracolo su crime alley
Grant Morrison (script) / Tony Daniel (art) / Sandu Florea (inks)
Usando un misto di attacchi sia fisici che psicologici, il Guanto Nero sta tentando di distruggere Batman. Preparatosi all'eventualità di un attacco psicologico, Bruce, ha tirato fuori dalla sua mente dei personaggi che lo hanno aiutato ad adottare l'identità del Batman di Zur-En-Arrh, una personalità costruita da Bruce stesso per mantenere Batman in condizione di combattere nel caso fosse stato portato alla pazzia o gli cancellassero la memoria. Guidato da uno dei personaggi creati dalla sua mente, il folletto Bat-Mito, Bruce, convinto di essere il Batman di Zur-En-Arrh (un mondo che ha visto in una allucinazione indotta dal gas del professor Milo riportato poi a galla durante il trauma dell'esperimento di isolamento) torna in scena più brutale che mai per affrontare gli uomini di Le Bossu e successivamente Charlie Caligola e King Kraken. Nel frattempo, mentre Robin è inseguito da Swagman che cerca di catturarlo, il Dottor Hurt (che afferma di essere Thomas Wayne) si è insediato con il suo gruppo di criminali a Villa Wayne facendo della batcaverna la loro base operativa. Inoltre il Guanto Nero è riuscito a occupare anche il manicomio criminale di Arkahm. In una delle sue celle, si trova Nightwing pronto a essere lobotomizzato. Anche Jezebel Jet viene portata ad Arkham insieme a grandi secchi di vernice rossa e nera mentre il Joker si mette lo smalto preparandosi a entrare in scena.

22 pagine

protagonisti: Batman, Robin, Alfred Pennyworth, Jezebel Jet, James Gordon, Bat-Mite, Le Bossu, Charlie Caligula, King Kraken, Pierrot Lunaire, Scorpiana, El Sombrero, Swagman, Simon Hurt
apparizioni: Squire

da Batman vol 1 # 679 (September 2008)

Batman
Il duca bianco della morte
Grant Morrison (script) / Tony Daniel (art) / Sandu Florea (inks)
Il dottor Hurt, leader del Guanto Nero, ha occupato Arkham portandosi dietro Jezebel Jet. All'interno del manicomio criminale viene organizzato un esclusivo ricevimento a cui partecipano ricchi uomini d'affari pronti ad assistere all'atto finale della distruzione di Batman. Ospite d'onore il Joker, liberato dalla sua cella e pronto ad avere un ruolo di primo piano nella morte del Crociato Incappucciato. Nei panni del Batman di Zur-En-Arrh, il nostro protagonista si presenta al manicomio criminale. Bat-Mito, il folletto della Quinta Dimensione che lo ha guidato ad adottare una personalità di riserva nell'eventualità di un attacco alla sua mente, dichiara di non poterlo più aiutare e che ora deve proseguire da solo. Batman gli dice di sapere che è solo un prodotto della sua immaginazione. Bat-Mito gli risponde che la Quinta Dimensione è l'immaginazione. Mentre il Comissario Gordon si addentra a Villa Wayne costellata di trappole venendo salvato dall'arrivo di Talia e Damian che uccidono El Sombrero, Batman, superato gli scagnozzi di Le Bossu, affronta il Joker il quale lo provoca dicendogli che per quanto ci provi non comprenderà mai la sua follia. Lo scontro termina quando Batman vede nella stanza Jezebel Jet prigioniera dietro una teca di vetro. La donna è ricoperta dei petali velenosi del Joker e urla disperatamente di non voler morire. Batman rompe il vetro cercando di salvarla ma viene investito dal gas provocato dai fiori velenosi del Joker. Prima di perdere conoscenza vede Jezebel alzarsi dalla sedia e sorridergli. In quel momento capisce che la donna lo ha tradito.

23 pagine

protagonisti: Batman, Bat-Mite, James Gordon, Talia al Ghul, Damian Wayne, Le Bossu, El Sombrero (deceduto), Jezebel Jet, Joker, Simon Hurt
apparizioni: Nightwing

da Batman vol 1 # 680 (October 2008)

Batman
La conclusione-cuore di tenebra
Grant Morrison (script) / Tony Daniel (art) / Sandu Florea (inks)
Batman si sveglia in una bara legato in una camicia di forza. Sepolto vivo, Bruce ricorda una discussione avuta con un monaco tibetano subito dopo le sette settimane di isolamento del rituale Thogal. In quell'occasione, riuscito a capire di essere stato condizionato mentalmente anni prima, si creò una personalità secondaria destinata ad attivarsi nel caso di un attacco psicologico. Mentre il nostro protagonista giace sotto terra, i membri del Guanto Nero, dopo essersi riuniti dinanzi alla sua tomba, tornano all'interno di Arkahm dove trovano ad aspettarli il Joker. Ucciso uno dei membri della loggia, il Joker scommette che Batman riuscirà a cavarsela nonostante il loro articolato piano. Durante il suo folle monologo, un membro del Guanto Nero smanetta con il "Bat-radia", la radio rotta che Batman ha ricevuto dalla sua allucinazione, inviando involontariamente un segnale che attiva il sistema di sicurezza di Arkham sigillando i presenti al suo interno. Nel frattempo, mentre Robin, messo alle strette da Pierrot Lunaire e Swagman, viene salvato dall'arrivo dal Club degli Eroi, Batman, facendo affidamento agli anni di preparazione e alle tecniche di respirazione, esce dalla tomba in cui è stato sepolto preparandosi a confrontarsi con il Dottor Hurt e Jezebel Jet, la donna che lo ha tradito. In quel momento, steso su un tavolo operatorio pronto a essere lobotomizzato da Le Bossu, Nightwing si risveglia in tempo riuscendo a liberarsi. Approfittando della confusione il Joker si allontana cercando di fuggire a bordo di un ambulanza, ma viene tamponato da una batmobile guidata da Damian finendo giù da un ponte. Intanto il Dottor Hurt viene raggiunto da Batman. Hurt continua ad asserire di essere suo padre ma Bruce è convinto che il criminale voglia solo traviarlo in un gioco psicologico e che in realtà si tratti di Mangrove Pierce, un attore impazzito che anni fa interpretò il "Guanto Nero". Hurt evita di rispondergli dichiarando che renderà pubbliche le prove della condotta dissoluta dei suoi genitori poi sale sopra un elicottero e cerca di fuggire. Batman salta sull'elicottero ma durante il successivo combattimento, l'elicottero precipita e i due avversari restano apparentemente vittime nell'esplosione. Robin, Nightwing e Alfred assistono impotenti alla tragedia mentre i membri del Guanto Nero si allontanano all'arrivo della polizia. Poco più tardi l'aereo privato di Jezebel Jet viene aggredito da un orda di Men-Bat di Talia che in questo modo si vendica della donna che ha contribuito a uccidere il padre di suo figlio. Nell'epilogo, in un flashback, vengono descritti gli ultimi istanti prima dell'omicidio dei genitori di Bruce. All'uscita dal cinema, dopo aver visto Zorro, il piccolo Bruce chiede a sua madre quanto sarebbe stato bello se ci fosse un tipo come Zorro a Gotham. La madre gli risponde che Gotham non sarebbe pronta ad accettare un giustiziere mascherato e che molto probabilmente rinchiuderebbero uno come Zorro ad Arkahm. Zur-En-Arrh.

30 pagine

protagonisti: Batman, Robin, Nightwing, Talia al Ghul, Damian Wayne, Jezebel Jet, Le Bossu, Pierrot Lunaire, Swagman, Scorpiana, Joker, Simon Hurt
apparizioni: Alfred Pennyworth, James Gordon, El Gaucho, Knight, Musketeer, Raven Red, Squire

da Batman vol 1 # 681 (December 2008)

Batman
Il colpevole e' il maggiordomo
Grant Morrison (script) / Lee Garbett (art) / Trevor Scott (inks)
Alfred Pennyworth ripercorre insieme a Bruce la carriera di Batman, ricordando la fatidica notte in cui il pipistrello entrò in casa ispirando il giovane Bruce a diventare il Cavaliere Oscuro, la successiva lotta contro la variopinta criminalità di Gotham, l'incontro con il giovane Dick Grayson e l'esperimento per l'esercito in cui il dottor Simon Hurt ebbe modo di accedere alla mente di Batman. Bruce e Alfred discutono su quanto cose siano cambiate nel corso degli anni fino a quando il nostro protagonista si accorge che quello che ha di fronte non è il vero Alfred. Improvvisamente, nella sua mente, Bruce vive in un mondo in cui i suoi genitori non sono morti e lui è un medico a fianco del padre. Questa distorta rievocazioni degli eventi è dovuta a Lump, un parassito telepatico che Hurt ha impiantato nella mente di Bruce e che si cela tra i suoi ricordi sotto forma di Alfred. Il suo intento è quello di trasformare e convertire i suoi ricordi da utilizzare per riprodurre copie perfette di Batman per l'oscuro impero di Darkseid.

L'episodio è legato all'evento Crisi Finale e riprende la cattura di Batman, bloccato in una capsula e collegato ad un parassita mentale dagli scienziati di Apokolips, avvenuta in Final Crisis # 2.

27 pagine

protagonisti: Batman, Alfred Pennyworth (flashback), Robin (Dick Grayson) (flashback), Batwoman (Katherine Webb) (flashback), Catwoman (flashback), James Gordon (flashback), Mokkari, Simyan, Lump

da Batman vol 1 # 682 (January 2009)

Batman
batman:cos'ha visto il maggiordomo
Grant Morrison (script) / Lee Garbett (art) / Trevor Scott (inks)
Bruce Wayne vive in un mondo distorto in cui i suoi genitori non sono mai morti e, seguendo le orme di suo padre, è diventando un dottore. Tuttavia qualcosa lo turba e durante una conversazione con il fedele Alfred, accenna a un giovane orfano che nel tentativo di combattere il crimine è stato ucciso da un maniaco psicopatico poi condannato alla sedia elettrica. Successivamente una piaga si abbatte su Gotham uccidendo migliaia di persone, tra cui sua madre. Non c'era nessuno che potesse evitare la strage. Improvvisamente Bruce si ritrova nei panni di Batman per le strade di Gotham a combattere la criminalità in un caleidoscopio di ricordi inframmezzati da sprazzi di realtà alternative. In realtà Batman è caduto vittima di Simyon e Mokkari, i seguaci di Darkseid, che utilizzando Lump, sorta di parassita telepatico, stanno compiendo su di lui un vero e proprio lavaggio del cervello in modo da acquisire tutti i suoi ricordi per riversarli su dei cloni destinati a diventare i prossimi "Batman". Qualcosa però non va per il verso giusto e i cloni, impazziti dai troppi traumi subiti dal nostro protagonista, si uccidono con le proprie mani. Simyon e Mokkari cercano di fermare il processo uccidendo Lump. Nel mondo della mente Bruce ha un barlume di conoscenza di quello che sta accadendo e chiede a Lump di aiutarlo altrimenti entrambi moriranno. Mentre nel mondo reale la creatura viene uccisa Batman trova uno spiraglio per tornare alla realtà.

L'episodio, così come il precedente, è un tie-in di Final Crisis è si colloca prima di Final Crisis # 6.

24 pagine

protagonisti: Batman, Alfred Pennyworth (flashback), Robin (Tim Drake) (flashback), Simyan, Mokkari, Lump

da Batman vol 1 # 683 (January 2009)